Psicologia

Lo psicologo è il professionista che interviene all’interno dei contesti (individuali, interpersonali, sociali, istituzionali e in ambito lavorativo) tramite l’utilizzo di strumenti e tecniche che hanno il loro fondamento in teorie, costrutti e modelli psicologici condivisi dalla comunità scientifica. La professione di psicologo è ordinata dalla Legge 18/02/1989, n. 56, ed è disciplinata dal Codice Deontologico degli Psicologi Italiani.

 

Abilitazione – riabilitazione

Attività finalizzate ad una reintegrazione, recupero (o compensazione se non è possibile il recupero) di abilità o competenze che hanno subito una modificazione, un deterioramento, una perdita.

Rivolto a persone con disabilità pratiche, disturbi cognitivi e dell’apprendimento compresi nella definizione di DSA, deficit neuropsicologici a seguito di malattie degenerative, disturbi psichiatrici o con dipendenza da sostanze.

 

Consulenza psicologica

È un parere professionale, nasce dal bisogno della persona che si rivolge allo psicologo di far luce su una specifica difficoltà che vive.

Le difficoltà sono spesso legate a stress, stati di crisi, fasi di transizione, cicli di vita, difficoltà a prendere una decisione ecc.

L’obiettivo è quindi di concedersi un momento di riflessione per individuare i meccanismi psicologici che si intrecciano al problema specifico, aiutando così la persona a trovare risposta alla sua difficoltà, e sostenendola nel rafforzare la sua capacità di scelta, di problem solving e di cambiamento.

 

Diagnosi

Indagine e valutazione del comportamento, dei processi cognitivi ed intrapsichici, delle opinioni, atteggiamenti, bisogni, motivazioni, modalità di interazione, ecc.

A tal fine si utilizzano i modelli teorici di riferimento, il colloquio psicologico e lo strumentario psicodiagnostico.

 

Prevenzione

Sono attività finalizzate a sensibilizzare, educare, informare, quindi prevenire comportamenti a rischio.

Promuovere il benessere individuale, collettivo, sociale e lavorativo, attraverso processi di sviluppo ed incremento della convivenza e della qualità della vita, ed attraverso la modifica dei comportamenti a rischio.

La caratteristica specifica è che si interviene sugli aspetti rappresentativi, ideativi, emozionali, consapevoli e non, che influenzano l’agire umano.

 

Sostegno psicologico

È un’attività di supporto che lo psicologo svolge nei confronti di un soggetto in difficoltà per un problema specifico.

L’obiettivo è quello di raggiungere e mantenere uno stato di benessere, migliorando la qualità di vita, gli equilibri adattivi, le relazioni affettive, come? agendo sui punti di forza della persona.

Richiede un numero contenuto di incontri, ma variabile a seconda della necessità.

Il sostegno psicologico è anche indicato in tutti quei casi in cui si ritiene opportuno garantire continuità ad esempio ad un precedente intervento riabilitativo, per rinforzare e solidificare i risultati ottenuti.

Adatto in quelle condizioni irreversibili e/o croniche (es. patologie degenerative) dove svolge una importante funzione di contenimento e tutela sia della persona che di chi le sta intorno.

 

 

Back to top